Cos’è un Poltergeist?

Oggi affronterò il fenomeno chiamato “poltergeist”. Anche in questo caso c’è parecchia confusione, perché in effetti la levitazione di oggetti può avvenire anche in assenza di poltergeist.

Non sto a spiegarvi cosa vuol dire questa parola che oramai lo sanno anche i bambini, ma vi illustro  a sommi capi, le due ipotesi su questo fenomeno e poi vi scriverò la mia.

Prima ipotesi: nulla di spiritico ma fenomeno di telecinesi  inconsapevole legato a uno o più adolescenti presenti nello stesso edificio.  A scatenare il fenomeno può  essere un trauma psicologico/affettivo, magari dormiente che si risveglia oppure a causa  dello sviluppo puuberale.  Da ciò il termine poltergeist  è stato ridefinito  con la più consona denominazione di Psicocinesi Spontanea Ricorrente o RSPK,   in inglese Recurrent Spontaneous Psycho Kinesis. Dopo entro nel dettaglio.

Seconda ipotesi: presenza spiritica o entità  che usa uno o più adolescenti presenti nello stesso edificio come catalizzatori usando la loro energia. Perché adolescenti? Perché non sono ancora del tutto consapevoli della loro realtà soggettiva, quindi meno difficile strappare o meglio succhiare  energia.

Caratteristiche comuni alle due ipotesi sono:

1- Sempre c’è la presenza di uno o più adolescenti ma anche pre adolescenti e post adolescenti del tutto ignari di essere loro la causa del poltergeist.

2- La durata limitata nel tempo da qualche mese a in alcuni rari casi in qualche anno, normalmente durano tra i  5 e 8 mesi.

3- Il fenomeno avviene dove dimorano gli adolescenti e quindi  sono fisicamente presenti, i quali se portati in altro luogo, diverso dalla residenza, non dovrebbero  produrre fenomeni ( ma non è una regola fissa questa). Di certo cessano quando l’adolescente non è presente.  Ma questo è un punto dibattuto in quanto è verissimo  che se l’adolescente   non è all’interno dell’abitazione, i fenomeni cessano,  ma è anche vero che potrebbero manifestarsi in altri luoghi  sempre vincolati alla presenza dell’adolescente stesso.

I più famosi casi di poltergeist sono avvenuti in Scozia  e Germania e il più documentato a Enfield sobborgo di Londra durato dall’agosto del 1977 al  settembre del 1978 con qualche raro episodio sino al 1979.

Gli studiosi su Enfield, in particolare il dott. Maurice Grosse che iniziò a interessarsi di paranormale, dopo aver perso una figlia in un incidente stradale, propendevano per la seconda ipotesi, ovvero una presenza spiritica, che fu anche identificata con tanto di nome e cognome, con il dubbio però che la voce registrata fosse emessa da uno degli adolescenti usando le corde vocali secondarie.

enfield

clikkate l’immagine per ascoltare la presunta voce diretta del fantasma Bill

Gli effetti cinetici  a Enfield erano veramente impressionanti al di là dell’identificazione dell’entità. Mattoncini di Lego e biglie che colpivano giornalisti e fotografi, sedie che si spostavano in presenza di poliziotti. Levitazione di  un’adolescente davanti alla finestra e la la gente dalla strada guardava stupefatta e chi più ne ha più ne metta.

La foto a fianco mostra lo zio dell’adolescente che fu ritrovata a dormire sopra una radio.

La differenza sostanziale tra poltergeist fatto di spostamento di oggetti, colpi violenti,  tremori dell’edificio sino a sembrare un terremoto e infestazione con fenomeni di levitazione e spostamento di oggetti, sta appunto nella presenza di adolescenti, quando non ci sono, possiamo già escludere il poltergeist, se invece sono presenti, si deve cercare di capire se trattasi di poltergeist o infestazione. La cosa si può  risolvere subito. Si portano lontano in più volte e in giorni e ore diverse gli adolescenti e se i fenomeni continuano anche in loro assenza,  allora si può dire che è un fenomeno di infestazione.

Ad oggi che usiamo gli emf meter,  che nel 1977 non si usavano, siamo molto favoriti per avere dei riscontri oggettivi sia nel caso di poltergeist che di infestazione. Poiché tutto si muove sulla variazione di campi elletromagnetici e alla dinamica dei corpi.

Anche in Italia, benché si cerchi di tenere tutto nascosto, abbiamo avuto casi di poltergeist. Uno in particolare nella provincia di Treviso, dove d’un tratto in una normale abitazione, cominciarono spostamenti di oggetti, anche pesanti, colpi e via dicendo. Si accertò che il fenomeno era generato da un adolescente e la causa scatenante fu che il fratello, al quale l‘adolescente  era moltissimo affezionato, (dormivano nella stessa camera), era partito  per fare il militare. Le entità in quel caso non centravano nulla o centravano relativamente. Fatte le opportune prove ci si rese conto che quella era la causa. Ma vi assicuro che chi vide  quadri oscillanti che anche si staccavano e cadevano, libri che cadevano,  sedie che si spostavano, rubinetti che si aprivano, bicchieri che si frantumavano senza ragione, non lasciava indifferenti. Allontanato dalla sua abitazione l’adolescente, tutto cessava e cessò definitivamente quando il fratello tornò a casa  dalla naia. Addirittura  grazie a una “raccomandazione” il fratello militare fu spostato dal centro Italia, a una caserma vicino a casa, affinché da subito i fenomeni cessassero.

Quindi vero che il poltergeist in qualche modo è legato all’edificio ma  ancor di più legato è all’adolescente che può originare forze cinetiche ovunque egli si trovi. La ragione di questa simbiosi non è del tutto  chiara, al solito possiamo formulare ipotesi  anche convincenti, ma che lasciano sempre parecchie perplessità interpretative.

Quello che penso io invece, è che tutto ruota intorno a livelli energetici e elettromagnetici che inducono anche fenomeni dinamici inconsapevoli e/o  o da un’entità  catalizzata dall’adolescente che lo usa appunto come catalizzatore, succhiando energia per poi scaricarla per originare fenomeni.  Sul fatto che esistano  certamente altri fattori scatenanti e non ancora determinati, ne sono certo,  nel contempo però sono indotto a pensare che la mente umana possa fare cose mirabolanti.  In questo senso l’essere umano si è involuto. Ma esistono delle eccezioni che guarda caso coinvolgono adolescenti che hanno ancora una mente pressoché pura e non corrotta da una società che oramai guarda il “quanto” e non il “quale”. Nel caso di Enfield, la madre si era separata tenendosi i tre figli, lavorando come un mulo per farli vivere in modo decente e la più ricettiva ma anche la più fragile affettivamente : Janet Hodgson  che scatenò il poltergeist. Ora  il fantasma Bill che venne scoperto e successivamente riconosciuto dal figlio al quale fecero ascoltare la registrazione della sua voce, che potete ascoltare anche voi, non deve lasciare perplessi. I meccanismi energetici, mentali e spirituali sono nel nostro DNA  e sono potenti, magari dormienti, ma li abbiamo e sono oltre che potenti, una nostra caratteristica  preziosa.

FacebookTwitterGoogle+PinterestLinkedIntumblrEmail
15

Lascia un commento