Metafonia e i suoi esperti del nulla

Qui bisogna che ci capiamo.

Stamattina ho guardato un tutorial sulla metafonia al computer con Audacity e la base una registrazione di una radio  straniera in onde corte.

Devo dire che sono rimasto molto molto perplesso.

Al di là delle preghiere preliminari, l’invito a confessarsi prima di fare una sessione, appellarsi a un santo ed a una esperta di computer che stanno in altra dimensione e per ultimo l’obbiettivo  da raggiungere, su cui non entro nel merito, anche se sarei tentato. La procedura usata, mi sembra per lo  meno carnevalesca… senza il minimo supporto teorico tecnico.

Ve la scrivo in poche righe:

1-      Registare un file audio di una radio straniera in onde corte

2-      Importare il file in Audacity

3-      Invertire la traccia

4-      Poi ascoltare a pezzi la traccia

5-      Un minimo di editing per rallentare la traccia

6-      Eventualmente catturare il rumore per rendere tutto più ascoltabile

Nell’ascolto invertito in alcune sezioni della traccia si potevano ascoltare con la solita cantilena e con accenti tonici sbagliati, delle frasi in lingua italiana di senso più o meno compiuto, ma elementare con declinazione dei verbi sbagliata per altro.

La spiegazione data del perché usare una traccia audio in SW, ufficialmente perché l’emittente è araba o cinese o swailii, sarebbe perché se poi ascolti parole in italiano puoi essere sicuro che è una voce da un’altra dimensione… Potrebbe anche essere credibile se non si dovesse invertire la traccia.

Perché invertire la traccia? Qual è la ragione? Cioè in parole povere lo sfigato speaker arabo o cinese fa la sua trasmissione e la presunta entità usando la sua voce invertita riesce così a formulare messaggi. E qui non parliamo di energia elettromegnetica ma di altro che onestamente non riesco neppure a comprendere.

Allora provate a registrare la vostra voce, leggendo che so un pezzo di un articolo di giornale o dieci righe di un racconto, invertite la traccia e non capirete una mazza, ma guarda caso talvolta potrete ascoltare delle frasi che avrebbero un senso compiuto  con la solita cantilena con accenti tonici e verbi sbagliati…  Ma è la voce di un’entità che parla attraverso la vostra voce invertita? Forse sì o forse no ma più no che sì. E’ soltanto  un gioco del suono  e di statistica nella casualità e in più la pariedolia, perché il desiderio di avere un messaggio è tanta. E devo dare ragione a chi sbeffeggia la metafonia fatta in questo modo.

E’ completamente senza fondamento questa astrusa procedura. Tecnicamente non ha nessun valore.

Ben più valido è usare una radio a scansione automatica e editare la traccia. E farsi l’orecchio a cogliere le voci da altre dimensioni

Ben più valido registrare in ambientale e editare la traccia.

Non ho altro da aggiungere per ora, ma io solo una volta su duecento invertendo una traccia mi sembrava di aver colto una frase di senso compiuto. Perchè non serve, e non ha nessun senso logioco nè mistico.

Non fatevi abbindolare da questi esperti del nulla.

mr

 

 

FacebookTwitterGoogle+PinterestLinkedIntumblrEmail
29

Lascia un commento